El tiempo entre nosotros

tempoC’è tempo e tempo. C’è il mio “ora”, così lento e dilatato da mettermi a disagio, un “ora” che scorre pigro perchè non deve rendere conto.

C’è il tempo noioso che mi fa bruciare lo stomaco e che mi rende brutta e cattiva.

C’è il tempo in attesa, quello che di notte mi fa urlare “NO!”, quello che mi toglie l’appetito e non mi fa cantare.

E poi c’è il tuo tempo, dolce come il cucchiaino di miele che ti sciolgo nella camomilla per addolcirti, saporito come la pizzetta a colazione, consolatorio come il ketchup sulle patatine o la carta di kinder che sporge dalla federa del cuscino.

Annunci

Ramm fuoco

– “Capo? Me putisseve rà l’accendino? [Scusate, potreste darmi l’accendino?]

– “Al massimo posso farti accendere”.

Rido, coprendomi con una mano. Poi mi rendo conto ed una frase mi fa riflettere.

– “Non lo vedi? Mica è contento come te!?! Sta tutte schiattate ‘ncuorpo!”

Due ore fa. Ed ora, mentre comodamente seduta smessaggio, mi colpiscono al cuore gli occhi che sbucano da dietro un borsone colorato. Sono di un cane che, tristemente, sembra chiedersi quanto manca. Me lo inizio a chiedere anche io…”Campoleone!!!”, olè.

Tornare pesa, pesa dover badare a se stessi, non poter dire “non ho voglia”, non poter piangere senza esser debole. Tornare fa sentire soli, lo so. Eppure tornare, in questo momento per me significa partire e so che gli occhi mi luccicano. Torno a Roma. Smetto i panni di bambina ed afferro la corazza. Torno senza pietà. Così, e solo così, tutto torna ad avere un senso. 

E ancora ripenso a quel ragazzo, alla me di un anno fa e capisco l’amaro.

[Depende todo de la perspectiva, de la manera de mirar lo que pasa alrededor.]

                                               Immagine                                                

                                                                                                            ¿No?

Mastrolindo

Nei gesti più banali, in quelli che sembrano sempre uguali, si nasconde il tempo.

Un tempo fatto di cicli, di scelte che sembrano ripetitivi e che, invece, smettono di esserlo nel momento in cui realizzi che non ne sei più parte, nell’attimo in cui pensi di esseri lavata i denti con il nuovo potentissimo Mastrolindo per poi scoprire che è solo l’ultima cagata uscita sul mercato. Che brutto colpo. Io non glielo avrei mai fatto comprare.

Immagine